Segreteria0383 62305

Dove Siamo: Via Papa Giovanni XXIII n. 51 - Voghera (Pv)

Screening ematologico cane e gatto

Verso la fine dell’anno è il momento di tirare le somme e fare controlli più approfonditi.

Se in Gennaio e Febbraio sono i denti i protagonisti dei nostri screening e poi,fino a primavera inoltrata si passa ai controlli attitudinali, da settembre a novembre, si termina con un prelievo di sangue, che possa essere di verifica più approfondita sullo stato generale dell’animale.

Presso l’Ambulatorio Veterinario Botti Maggi di Voghera effettuiamo Screening ematologico per cani e gatti.

Tale visita è compresa nell’ambito del Piano Salute sia del cane sia del gatto e proposta a tutte le età:

  • cuccioli
  • adulti
  • anziani.
screening ematologico
botti maggi291 1
IMG 7918 1 e1539609479348

Screening ematologico: in cosa consiste?

Lo screening ematologico consiste in un prelievo del sangue (e delle urine a seconda del caso).

Le patologie e gli organi indagati sono soprattutto:

  • Diabete (novembre è il mese mondiale del diabete), con il controllo della glicemia
  • Insufficienza renale, particolarmente importante nei gatti soprattutto non più giovani, valutati attraverso parametri urinari
  • Tiroide, per la possibile predisposizione a ipertiroidismo (nel gatto) o ipotiroidismo (nel cane
  • Prostata (soprattutto nel cane)

Infine si effettuano test per la valutazione della possibile presenza di malattie trasmesse da insetti volanti:

  • Test per la filaria,
  • test per la leishmania

Nel gatto poi si controllano malattie infettive come la Fiv e la Felv.

Importantissime le titolazioni anticorpali per la valutazione della presenza di corretta copertura anticorpale della malattie virali (Cimurro, Epatite, Parvovirosi e Rabbia).

Ricordiamo infatti che le nuove linee guida della WSAVA (l’organo mondiale che stabilisce il giusto intervallo e pratica delle vaccinazioni del cane e gatto) consiglia la vaccinazione contro le malattie virali ogni tre anni, previo controllo del titolo anticorpale da effettuarsi per verificare un possible calo della copertura per ridotta immunità.

Perché fare il controllo ematologico nel cane e gatto una volta all’anno?

Lo screening ematologico si preoccupa di raccogliere dati clinici con un’analisi ematologica dedicata.

I controlli sono volti a porre in evidenza la presenza della malattia, una sua predisposizione (perché i parametri sono suggestivi di una sua possibile apparizione se le condizioni non mutano) o l’assenza di essa.

 

Attraverso i risultati degli screening ematologici è possibile mettere in atto terapie o accorgimenti in fasi precocissime di malattia, momenti in cui è ancora possibile una regressione della patologia o un suo controllo ottimale.

 

Tale azione è utile anche per quelle forme degenerative/infiammatorie o croniche che, se non fossero diagnosticate con largo anticipo non potrebbero essere trattate con la stessa efficacia.

Vuoi maggiori informazioni?

× Chatta con Noi